Semifinale Champions: la Roma pesca il Liverpool di Salah. Prima gara ad Anfield. De Rossi: “Preoccupati, ma il giusto”. Klopp: “Contento? No, non ci è andata bene…”

Tra la Roma e la finale di Kiev c’è di mezzo il Liverpool: è questo ciò che ha stabilto l’urna di Nyon, riservando ai giallorossi i ‘Reds’ dell’ex Mohamed Salah. Un sorteggio che rievoca inevitabilmente la finale del 1984, che la Roma proverà a vendicare. L’andata si disputerà in Inghilterra, ad Anfield, il 24 Aprile, mentre il ritorno allo stadio Olimpico è stato fissaro per il 2 Maggio. Bayern Monaco-Real Madrid sarà invece l’altra semifinale: anche i bavaresi avranno l’occasione per provare a vendicare l’eliminazione subita nella scorsa stagione proprio ad opera degli spagnoli.

KLOPP – Anche il tecnico del Liverpool Jurgen Klopp ha commentato il sorteggio di Champions con la Roma. Queste le sue parole in conferenza stampa alla vigilia del match di Premier League contro il Bournemouth. “Se qualcuno pensa che al sorteggio ci sia andata bene, non posso essere d’accordo: sicuramente non ha visto le sue partite della Roma contro il Barcellona. Nella prima il 4-1 non rispecchia l’andamento della partita, nella seconda loro hanno sfoderato una prestazione incredibile e avrebbero potuto vincere per 5-0. Non mi sono messo a pensare ‘grazie Dio abbiamo evitato Real e Bayern’. Io penso che l’importante è stare nelle semifinali e che in ogni caso avremmo avuto della chance di passare, e ora ce le giocheremo contro la Roma”.

DE ROSSI – Il capitano giallorosso Daniele De Rossi interviene a Roma Tv dopo i sorteggi delle semifinali di Champions League. Ecco le sue parole in vista della sfida con il Liverpool: “Cambiava pochissimo in base alla squadra che avremmo pescato, quello era il livello. Sono tutte squadre fortissime, il Liverpool sta facendo un exploit come il nostro, ha battuto quella che pensavo fosse la favorita. Ha un allenatore che mi fa impazzire, siamo preoccupati ma il giusto, come con Barcellona e Shakhtar. Possiamo avere delle chance. Impresa metabolizzata? Abbiamo fortuna e sfortuna, abbiamo una partita delicatissima domenica, importante non solo per il discorso cittadini ma anche per la classifica. Questa partita ci sta distraendo dall’ubriacatura di gioia dell’altra sera. È una partita che rimarrà nella testa dei tifosi, ma siamo direzionati a far bene nel derby. Non sarei stato molto fiducioso di entrare nelle prime 4, sapevamo di essere forti e che avremmo metabolizzato le idee del mister. Ma ad arrivare a quel livello in questa competizione non ci pensavo. Esperienza per aiutare la squadra a pensare al derby? Il campionato è importante quanto la Champions League, se non fai bene non la rigiochi. Non c’è bisogno del capitano che bacchetti, tutti hanno dimostrato testa e attenzione. Abbiamo avuto qualche passo falso, vogliamo invertire questa rotta. Non c’è bisogno di stimolare nessuno”.

MONCHI -Il ds giallorosso, Monchi, ha parlato ai microfoni dell’emittente televisiva Premium Sport, commentando il sorteggio. Queste le sue parole.

Rivincita per cancellare il passato?
“Sembra un’opportunità perfetta per trovare la felicità che quell’anno non si è portata a Roma. Sarà difficile, è una squadra fortissima che ha eliminato il Manchester City. Dobbiamo pensare a noi e fare quello che abbiamo fatto bene col Barcellona e continuare su questa strada”,

Roma più consapevole dopo il Barcellona?
“Una vittoria come questa fa prendere fiducia in quello che fai, ma le due col Liverpool saranno un’altra storia. Dobbiamo prendere quanto fatto di bene, così sarà meno difficile”.

Sensazione particolare nello sfidare Salah?
“Mi preoccupa tutto il Liverpool, non solo Salah. E’ una squadra fortissima con giocatori importanti e un grande allenatore”. (Premium Sport)

Written by