Pjanic al centro di una brutta storia: maltrattava la sua ragazza? No, solo burrasche: tutto archiviato

Denunce, testimonianze, ritrattazioni e indagini di ogni sorta: i problemi di cuore di Miralem Pjanic finiscono tra i corridoi di piazzale Clodio. Alcuni mesi fa, infatti, il centrocampista juventino classe 1990 è stato costretto a tornare a Roma, dove ha giocato fino al 2016, come scrive Il Tempo.

Le motivazioni che hanno condotto il calciatore bosniaco nella Capitale non riguardavano lo sport, ma il rapporto con la sua ragazza romana, con cui ha iniziato una relazione dopo aver avuto un figlio dalla compagna precedente. Una storia che, nell’ultimo anno di permanenza del giocatore nella Città Eterna, sarebbe stata parecchio turbolenta. E così il campione era stato iscritto sul registro degli indagati: maltrattamenti e lesioni, recita l’accusa sostenuta dal sostituto procuratore Vincenzo Barba. È stato però lo stesso pubblico ministero a chiedere l’archiviazione del caso, su cui adesso dovrà esprimersi il giudice per le indagini preliminari.

Ma andiamo con ordine. A denunciare la faccenda era stata la donna che, il 6 ottobre 2016, aveva narrato le vicende relative a un rapporto dove la reciproca gelosia non sarebbe mancata. La vittima “esponeva di aver subito violenze fisiche e verbali”, recitano gli atti che raccontano di uno schiaffo elargito da Pjanic. Un ceffone che avrebbe colpito la donna all’orecchio, avvenuto nel gennaio di due anni fa. E ancora il mese successivo, quando sarebbe scoppiata una lite in macchina, terminata con un forte dolore al coccige patito dalla ragazza. Da Fiumicino a Casal Palocco, i round tra il fantasista bosniaco con cittadinanza lussemburghese e la sua amata sarebbero stati diversi. Non mancherebbe, secondo la denuncia, uno spintone che avrebbe costretto la vittima a fare un bagno in piscina non programmato. E poi pugni e frasi ingiuriose.

Gli episodi romani sarebbero proseguiti anche a Torino, al Golden Palace Hotel. A rivelarlo sarebbero anche i certificati dell’ospedale piemontese Molinette, dove la compagna di Pjanic si sarebbe fatta refertare alcune lesioni subite. Insomma, considerando il racconto fornito agli inquirenti dalla donna, la procura di Roma non poteva che iscrivere Pjanic sul registro degli indagati. Il pm così aveva ascoltato la vittima e l’indagato, in due diverse occasioni. La faccenda era stata presto ridimensionata. Perché sarebbe emerso come entrambi i protagonisti abbiano compiuto comportamenti particolarmente astiosi, l’uno nei confronti dell’altro. Insomma, la gelosia reciproca avrebbe creato più di un’incomprensione. Un rapporto burrascoso che però, dopo quella fase, sarebbe stato più sereno.

La stessa ragazza avrebbe infatti ritirato la querela e così la procura avrebbe proceduto solo per i maltrattamenti. Poi la richiesta di archiviazione anche per quell’accusa. “La rimessa querela da parte della persona offesa”, “la sua dichiarata e volontaria decisione di intraprendere una convivenza con l’indagato” e i certificati medici poco riconducibili alle possibili lesioni, non avrebbero dato elementi certi su cui intraprendere un’azione penale. Inoltre all’epoca dei fatti i due non erano neanche conviventi, condizione questa necessaria per ipotizzare il reato di maltrattamenti in famiglia. E come se non bastasse, gli inquirenti ritengono che al massimo potrebbero essere ravvisati episodi sporadici, non un’abituale prevaricazione compiuta dall’indagato. Insomma, Pjanic sembra poter dribblare anche questa storia, per affrontare altri avversari, questa volta in campo.

Written by