La ‘lagna’ laziale non finisce mai: ora sotto accusa c’è la Nazionale di rugby!

Uno scherzo del calendario? I numeri dicono di sì. Sta di fatto che l’affermazione di Simone Inzaghi meritava una ricerca approfondita. «Il campo era in pessime condizioni. Dopo il rugby giochiamo sempre noi in casa», questa la lamentela del giovane tecnico che in questa stagione ha perso col Genoa e pareggiato col Bologna, due partite chiave finite male. Da quando gli Azzurri della palla ovale hanno lasciato il fortino del Flaminio (2012) si sono disputate 17 partite della manifestazione di rugby e il risultato finale recita un netto 11-6 che diventa 8-2 negli ultimi quattro anni: la Lazio è in netto vantaggio sui rivali cittadini in questa speciale classifica.

Va sottolineato lo stress del prato dell’Olimpico: sono 47 le gare giocate finora tra Supercoppa, campionato e coppe europee e domani è in programma anche la «Partita Mundial» a rendere più complicata la situazione già aggravata da neve e maltempo. Tra rizollature, calendari affollati, non è semplice accontentare tutti. Però il programma del prossimo Sei Nazioni è noto, il prossimo anno si può provare a migliorare la media giallorossa quando sarà elaborata la serie A 2018-19.
—————-
Imbarazzante. Non passa giorno senza che il fiume delle ‘lagne’ biancoceleste non tracimi. Dopo il Var, i patetici sit in, le tante partite giocate e sbandierate come alibi da Simone Inzaghi, ecco il difensore d’ufficio di fiornata (L. Salomone de “Il Tempo”) tirare in ballo nientemeno che le partite della Nazionale di Rugby sul prato dell’Olimpico. Siamo al ridicolo, anzi, ben oltre…

Written by