I tifosi, le barriere dimezzate, la Curva Sud sempre semivuota: il trionfo della stupidità!

Corriere dello Sport (G.D’Ubaldo) – La protesta dei tifosi giallorossi prosegue. Non entreranno neppure nel derby di ritorno di Coppa Italia, neppure in quello di campionato, se non saranno rimosse completamente le barriere. In occasione della partita di mercoledì sera i gruppi ortodossi della curva sud hanno esposto uno striscione all’Eur ribadendo la loro posizione e hanno fatto simbolicamente una coreografia a Trigoria. La loro posizione è nota ed è stata portata avanti con ferma coerenza. Anche mercoledì c’erano circa ottomila tifosi contro la Lazio, uno spettacolo desolante in curva Sud, a differenza della Nord, dove i sostenitori biancocelesti hanno ripreso ad andare. E la situazione non sembra destinata a cambiare per le prossime partite. La prevendita è stata fiacca anche per la partita di domani contro il Napoli, con soli ottomila biglietti staccati in prevendita. Una volta il derby del Sole era una classica che riempiva l’Olimpico. Domani, considerate anche le limitazioni per i tifosi napoletani, si giocherà in uno stadio mezzo vuoto.

TUTTI A LIONE – In controtendenza invece le partite in trasferta. Anche a Lione saranno molti i tifosi giallorossi al seguito della squadra. Da ieri sono stati messi in vendita i biglietti per gli abbonati. C’è molta richiesta e il club francese ha messo a disposizione della tifoseria ospite un settore con 2100 posti. Il giorno-chiave sarà lunedì quando aprirà la vendita libera e al Roma Store di via Appia si formeranno code come ai tempi d’oro.

LA PROTESTA CONTINUA – Le barriere dimezzate probabilmente non verranno tolte in occasione dei prossimi due derby stagionali. Quello di Coppa Italia è in programma il 4 o il 5 aprile. La data dipenderà dal calendario internazionale delle italiane rimaste in corsa. Ma di sicuro al ritorno la Nord sarà strapiena, per spingere la squadra di Inzaghi verso la finale, mentre la Sud farà registrare ancora larghi spazi vuoti. Prosegue l’ostinata protesta dei romanisti, ancora in polemica contro i provvedimenti adottati per lo stadio Olimpico dall’estate 2015 dal Prefetto Gabrielli. Se non cambia la situazione quello di aprile sarà un altro derby anomalo, almeno sotto il profilo del tifo sugli spalti. Molti gruppi della curva Sud resteranno fuori, nonostante i numerosi appelli di allenatore e giocatori. I tifosi che non abbandonano la protesta potrebbero decidere di seguire il derby in una location simbolica, come era accaduto per il derby del 4 dicembre.
————-
L’articolo di Guido D’Ubaldo su Il Corriere dello Sport fotografa la situazione di una stupidità senza confini. I tifosi (?) della Curva Sud continuano a danneggiare la Roma, cioè la loro squadra. Il Gruppo Roma (?) sabato mattina andrà a Trigoria e, come scrive in un comunicato: “Dopo ogni caduta noi ci siamo sempre rialzati, pronti a combattere…e allora combattiamo: anche se non presenti all’Olimpico, sosterremo la squadra a modo nostro”. A modo loro, che poi è il peggiore visto che avviene dove non ce né bisogno. Aspettano che le barriere siano rimosse del tutto per tornare nei loro posti all’Olimpico: auguri!

Written by