Di Francesco volta pagina: “Superato lo scoglio che ci bloccava. In Champions abbiamo bisogno dei tifosi”

Alla vigilia aveva insistito molto nel nascondere l’impegno-Champions di martedì, ma già nel dopo partita della sfida col Torino, Eusebio Di Francesco ha archiviato il test di campionato. Adesso sì che bisogna concentrarsi sullo Shakhtar. Ecco il botta e risposta dell’allenatore negli spogliatoi dell’Olimpico.

Primo tempo timido…
Non siamo andati bene, siamo stati macchinosi. Nella ripresa ho alzato Nainggolan per cercare di osare di più. siamo cresciuti dal punto di vista della pressione, ma anche dal punto di vista mentale. I ragazzi soffrivano il fatto che non si vinceva in casa e abbiamo rischiato di complicarci la vita.

Ora lo Shakhtar…
Il fatto che abbiamo vinto fa capire che abbiamo superato lo scoglio che ci bloccava. Per il resto maggiore convinzione, oggi tanti angoli ma sfruttiamo poco i calci piazzati. Ci servono 12 uomini, i tifosi saranno determinanti per lo Shakhtar.

Schick?
Non è andato bene, non è stato servito nel modo giusto. Ma va aspettato, ricordiamoci di Under e della continuità che ha avuto. Patrik ha le qualità, chi si intende di calcio capisce che ha qualità importanti.

La diversità nei due tempi, non si riusciva a pressare ma poi nella ripresa l’arma in più è stata il pressing. Il Torino non ha più ragionato.
Ho cambiato, ho messo il 4-2-3-1 perchè eravamo troppo distanti dagli attaccanti. L’avanzamento di Nainggolan ci ha permesso di sfruttare le ripartenze. Ma doveva essere fatto anche prima, purtroppo non è entrato nella testa dei ragazzi, ho cambiato per dare loro qualcosa in più.

Rammarico per la corsa scudetto?
C’è un grande difetto nel calcio, specie qui a Roma. Si pensa troppo a quello che si poteva fare. Non si dovrebbe guardare troppo dietro, sono indirizzato a guardare avanti e alla crescita di tanti giovani. Non c’è nessun rammarico, tutto ci insegna e tutto ci fa migliorare.

Alisson?
Nella prima parte di stagione non si tirava quasi mai in porta, adesso lo sto facendo valorizzare, altrimenti non si impegna…

Written by