Claudio Ranieri, core de Roma: “Allenare la Lazio? Mai!”

Claudio Ranieri, ex tecnico del Leicester, ha ricevuto questo pomeriggio il premio “Tor Vergata – Etica nello Sport”. Il riconoscimento, giunto già alla quindicesima edizione, viene da sempre assegnato a personaggi di caratura nazionale e internazionale che si siano distinti nel proprio lavoro per correttezza, fair play e valori etici. La scelta è legata all’importante lavoro svolto in Inghilterra, dove ha saputo guidare al titolo il Leicester, squadra allora neopromossa in Premier League.

ROMA – Ranieri ha parlato della Roma, squadra che il tecnico ha allenato sfiorando anche lo scudetto nella stagione 2009/2010: “Tutti i romanisti si ricordano i gol di Pazzini contro la Sampdoria… Anche i laziali (ride, ndr). Io racchiudo quelle partite e quella stagione in due punti importanti: il primo è che io sono arrivato a campionato in corso con la Roma a zero punti, secondo noi perdemmo su 6 punti 5 con il Livorno, squadra già retrocessa. Lì perdemmo il campionato perché quando arrivammo alla partita con la Sampdoria venivamo da una striscia di 6-7 partite vinte, avevamo rimontato l’Inter e una partita storta ci poteva stare. Il primo tempo fu magnifico, vincevamo 1-0 e avevamo avuto 3-4 occasioni per raddoppiare sbagliando gol e con il portiere che fece grandissime parate, poi tra Cassano e Pazzini inventarono quei due gol e pazienza. Vincere il campionato lì per me sicuramente sarebbe stato magnifico perché da romanista, da tifoso sarebbe stato qualcosa di magnifico però credo che il successo planetario che ha avuto il Leicester non l’avrebbe avuto la Roma. Dico questo perché a me sono arrivate tantissime lettere e mi arrivano tantissime richieste di andare alle Universitá e ai simposi da tutto il mondo, dall’America del Nord, del Sud, dall’Australia e dalla Cina, io potrei smettere e andare in giro a fare questo ma non voglio smettere voglio continuare ad allenare”.

LAZIO – Sul ritorno in Italia invece: “Mi servirebbe un buon progetto. Lo devo sentire, perchè se lo sento mio io do tutto me stesso, se non lo sento non lo accetto. Anche alla Lazio? No, alla Lazio no (ride, ndr). Voglio essere onesto, la Lazio no perchè la mia carriera la sto concludendo, fosse capitata agli inizi della mia carriera da professionista l’avrei accettata perchè ci sono molti allenatori che hanno allenato la Roma e la Lazio. Io adesso da tifoso romanista ho avuto tanto e non allenerei per rispetto la squadra dei miei cugini. Peró devo dire che li rispetto tantissimo e devo dire che mi piace tantissimo come sta giocando la Lazio”.

LEICESTER – Il tecnico ha parlato a lungo della sua avventura al Leicester, con il quale ha vinto la scorsa stagione la Premier League: “Sono arrivato là e non so perché ho sentito un’aria elettrica, una positività incredibile. Sentivo che c’era qualcosa di super positivo, che naturalmente non voleva dire vincere il campionato. Ci avevano chiesto di rimanere in Premier e crescere. Però c’era positività: vedevo come si allenavano i ragazzi. Negli allenamenti andavano più forti che nelle partite, era uno spettacolo allenarli. Piano piano abbiamo preso consapevolezza di noi stessi. Le mie prime parole sono state: “voglio tirar fuori il vostro spirito inglese, con la tattica italiana. Se mi seguite possiamo fare buone cose”. Abbiamo iniziato a prendere consapevolezza dei nostri mezzi e neanche potevano immaginare quanti bravi potessero essere, ma non pensavo di poter lottare contro le big del campionato. Con la determinazione e il sacrificio e con la fortuna abbiamo vinto. La fortuna ce la siamo costruita da soli, con la nostra energia positiva”.

ESONERO – Nota amara invece sull’esonero, arrivato in questa stagione, inaspettatamente, dopo la sconfitta in Champions League contro il Siviglia: “I ragazzi del Leicester in quattro anni sono passati dalla serie C inglese fino alla vittoria della Premier League: uno stress incredibile. Dopo la vittoria, nel precampionato, sapevo ci sarebbe stato bisogno di un periodo di adattamento al nuovo standard della squadra, che non aveva più lo stress di doversi salvare dalla serie B. All’inizio della mia avventura andavamo nella periferia di Leicester per fare amichevoli contro squadre di prima categoria, la scorsa estate invece giocavamo in America contro il Barcellona e le più grandi di Europa. La mente era cambiata totalmente: nelle partite di grande cartello e in Champions League era il solito Leicester, nelle partite normali perdevamo quella compattezza, quel nostro credere l’uno nell’altro, nell’aiutarsi l’uno con l’altro. Alcune volte mi arrabbiavo anche se avevamo vinto perché non li avevo visto squadra. Se mi davamo il massimo, anche con una sconfitta, io ero però contento. Nella partita con il Siviglia persa 2 a 1 io avevo rivisto quello spirito giusto della squadra, poteva essere la partita della svolta. Purtroppo quando siamo atterrati mi hanno chiamato e ‘arrivederci e grazie’, ma tanto ci sono abituato: sono arrivato più volte secondo e sono stato mandato via, per cui dopo che ho vinto chi se ne frega”.

CHAMPIONS – Il tecnico romano si è soffermato anche sulla Champions League: “Credo che il Real Madrid sia favorito per la vittoria finale, ma attenzione ad Atletico Madrid e Monaco, squadre da prendere con le molle. La Juventus sta facendo annate spettacolari, sta crescendo stagione dopo stagione grazie alla programmazione e alla serietà della società. Da italiano faccio il tifo per la Juventus. I bianconeri sono determinati e questa è una cosa importante. Sarà fondamentale arrivare ai duelli in grande condizione fisica e avere il bellissimo spirito di sacrificio dimostrato finora“.

Fonte: Jacopo Aliprandi (forzaroma.info)

Written by