Champions, Di Francesco sicuro: “Col Liverpool dovremo essere più squadra…”. Kolarov: “Abbiamo l’obbligo di provare a vincere la Coppa”. Dubbio Under-Schick

Eusebio Di Francesco torna a parlare in conferenza stampa. L’allenatore della Roma interviene dalla sala stampa di Anfield alla vigilia del match con il Liverpool, primo atto del doppio confronto della semifinale di Champions League. Al fianco del tecnico giallorosso interverrà in conferenza il difensore Aleksandar Kolarov, che qui ha già giocato ai tempi della sua esperienza al Manchester City.

Domanda a Di Francesco: Il primo aspetto che l’ha colpita qui?
La bellezza degli stadi inglesi e l’atmosfera che ci sarà, in Italia non abbiamo i tifosi attaccati al campo.

Domanda a Kolarov: con il Barcellona avete ingabbiato Messi, farete lo stesso con Salah?
Con il Barcellona abbiamo giocato insieme, non eravamo concentrati solo su Messi, come sarà anche domani. Così possiamo fare grandi cose…

Domanda a Di Francesco: Klopp ha detto che non siete qui per caso. Cosa dovrà fare la Roma in una partita del genere?
Un insieme di cose, i nostri tifosi si faranno sentire. E’ la forza di giocare insieme, come ha detto Aleksandar domani dovremo essere più squadra. Il Liverpool metterà più intensità del Barcellona e dovremo essere al loro livello.

Domanda a Kolarov: qual erano i suoi obiettivi? Si aspettava un cammino così in Champions?
Sinceramente non ci ho pensato, pensavo a vincere ogni gara possibile. Come hanno già detto non siamo qui per caso, siamo all’altezza della semifinale di Champions. siamo pronti per 2 grandi partite, domani non si deciderà nulla, c’è anche il match in casa…

Domanda a Kolarov: ha chiesto suggerimenti ai suoi ex compagni al City per fermare Salah?
Come ho già detto non dobbiamo pensare a solo un giocatore ma obbiamo ragionare da squadra, il Liverpool non è solo Salah, hanno tanti grandi giocatori e un ritmo altissimo

Domanda a Di Francesco: come con la Spal, domani farà palleggio per farli correre a vuoto?
Affrontiamo un avversario diverso, che sarà poco attendista ma molto aggressivo. Hanno la capacità di verticalizzare immediatamente, un palleggio esasperato li può favorire. siamo qui per sfruttare le loro lacune e non cadere nei tranelli. Sarà una partita diversa da Ferrara, dove non siamo stati solo alti lì, sono concetti che proviamo da tempo. Mi auguro di vedere in campo la stessa forza mentale.

Domanda a Di Francesco: La difesa a 3 può essere la chiave? Under o Schick?
Non parlo di formazione ma loro due si contendono una maglia. Devo solo decidere la soluzione migliore ma non posso dare grandi indicazioni, ne a voi ne agli avversari. La filosofia non deve cambiare, farà la differenza la capacità di restare sempre corti nelle due fasi.

Domanda a Kolarov: crede davvero alla vittoria della Champions?
Se siamo qui ci dobbiamo provare, ora viene il bello. Vediamo domani, meritiamo di stare qui e abbiamo l’obbligo di provarci…

Domanda a Di Francesco: è cosciente del fatto che chi arriverà in finale tra lei e Klopp rappresenterà il nuovo nel calcio?
E’ stato simpatico Klopp a dire che abbiamo come punto in comune barba e occhiali. Sono contento di affrontare un allenatore di mentalità, affronterà uno che si avvicina alla sua idea di calcio. Ma io rispetto a lui, che ha già vinto, devo dimostrare ancora tanto. Abbiamo l’ambizione di arrivare in finale, sarà un bello scontro.

Written by